Le lacrime di Alessandra Mussolini a Pomeriggio 5


alessandra-mussoliniA Pomeriggio 5 sono le lacrime di Alessandra Mussolini a parlare. Si è presentata a sorpresa negli studi di Montecitorio con l’onorevole del Pd Paola Concia. Clamoroso sfogo, incredibile imprevisto della diretta, Alessandra Mussolini finisce vittima di un presunto ricatto a sfondo sessuale ed attacca l’articolo ucito su “Il Giornale” firmato da Vittorio Sgarbi.  «Questo pezzo offende tutte le donne sono venuta qui per condividere con voi questo attacco vergognoso», dice la Mussolini in lacrime e parecchio agitata.

[ad]

«Questa mattina ho dovuto chiudere il giornale perché mio figlio lo stava leggendo e perché ho i paparazzi fuori e mi fanno le foto», continua la deputata. Racconta dei fotografi che sono andati a scuola dei suoi figli e che continuano a seguirla in ogni suo spostamento non per fare le foto con loro, ma per vedere va a fare qualcosa. E lanciando un monito preciso a tutti i giornalisti ha proseguito invitando la stampa a verificare le notizie: «Se si parla di un video di un mitomane perché devo essere messa alla berlina da questo giornale? Non parlo di politica perché se ne facessi un fatto personale allora non vuol dire niente ma sono qui con Paola Concia perché da questo articolaccio deve venire fuori una battaglia per la dignità dalle donne. Perché dobbiamo continuare a combattere, altrimenti l’8 marzo è carta straccia».mussolini

Dopo la sua polemica, Alessandra Mussolini pesta e strappa il giornale incriminato e la conduttrice, Barbara D’Urso, si dissocia immediatamente dicendo che i giornali sono organo di libertà e democrazia, quindi, strapparlo è un brutto segno. A conclusione dell’incontro è intervenuto il vicedirettore de “Il Giornale” Alessandro Sallusti per spiegare la versione del quotidiano ma i toni si sono accesi ulteriormente e l’onorevole Mussolini ha abbandonato in diretta lo studio.

1 Trackback & Pingback

  1. Mussolini, sfogo in tv contro Il Giornale | speciale in Liquida

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.