Oltre 5,5 milioni di spettatori per Anno Zero


santoro_annozeroGrande inizio per Michele Santoro e il suo Anno Zero in onda ieri sera su Rai 2.

Tante le polemiche di questi ultimi giorni, che hanno visto Santoro e il suo programma sotto i riflettori ma la cosa sembra non aver avuto sostanziali ripercussioni sull’andamento degli ascolti di ieri sera. Infatti, il programma ha portato a casa il 22.88% di share con 5.592 mila spettatori, raggiungendo quasi il rivale Terence Hill in Don Matteo su Rai Uno che ha incassato il 24.02% di share e 5.734 mila spettatori. Su Canale 5 Ale&Franz Show ha, invece, registrato il 13.24% di share con 3.263 mila spettatori.

[ad]

«Il pubblico chiede una informazione più libera da qualunque tipo di condizionamento politico – commenta Santoro – e, soprattutto, chiede di avere più informazione».

Daniele Capezzone, portavoce del Popolo della Libertà, ribatte: «Chiunque abbia occhi per vedere e orecchie per sentire ha compreso bene che la puntata di ‘Annozerò aveva un obiettivo: aggredire Silvio Berlusconi per un verso, e Vittorio Feltri e ‘Il Giornale’ per altro verso. Tutta la ‘drammaturgia’ del programma, la sequenza di ‘contributi’, i ‘montaggi’ erano volti a quel risultato. E sarebbe questa la funzione del servizio pubblico?».

Il presidente Rai, Paolo Garimberti, commenta così il successo ottenuto ieri sera da Santoro: «C’era molta attesa per questa prima puntata e penso che questo abbia influenzato sul buon risultato di ascolto». «È stata la classica trasmissione alla Santoro – aggiunge – sulla quale non esprimo giudizi, non essendo un critico televisivo».

E sull’intervento di Marco Travaglio il presidente Rai afferma: «È stato un Travaglio doc, nel suo consueto stile di giornalismo. Può piacere oppure no, ma è opportuno che nell’offerta televisiva ci siano diversi generi e che i telespettatori abbiano la possibilità di scegliere attraverso quello strumento di democrazia che è il telecomando».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.