Un ciclone in convento: la Rai censura le nozze gay


Un ciclone in convento” è una fiction tedesca in onda tutte le mattine su Rai 1. Mercoledì mattina però la fiction non è stata mandata in onda, si è trattato di una vera e propria censura. La puntata che è stata infatti cancellata dalle programmazione, puntata dal titolo “Romeo e Romeo“, prevedeva un matrimonio gay, un matrimonio che viene posto a metà strada tra una funzione laica ed una funzione religiosa perché la coppia riceve la benedizione dal sindaco ma all’interno della cappella di un convento.

Mauro Mazza, direttore di Rai 1, spiega la vicenda con queste parole: “La serie tedesca è molto lunga. In vista della partenza dei programmi della stagione, dovevamo tagliare un episodio. Abbiamo scelto, in maniera ponderata, di sacrificare questo, proprio per evitare polemiche in area cattolica: la scena delle nozze gay, benedette in chiesa davanti al crocifisso, poteva dar fastidio a qualcuno. Se fossero state celebrate in municipio, non ci sarebbero stati problemi”.

Questa giustificazione non basta però a placare le polemiche che si sono alzate e Fabrizio Marrazzo, portavoce del Gay Center, chiede addirittura a tutti gli omosessuali di non pagare il canone della Rai come protesta. Mauro Mazza risponde affermando che un’azione di questa tipologia sarebbe sin troppo pesante e ingiustificata, anche perché il telespettatore non perde certo la trama della fiction se non guarda quella puntata. Magari è vero che la trama non viene persa ma è vero anche che vengono meno i presupposti principali su cui l’intera fiction si basa. “Un ciclone in convento” è una delle fiction tedesche più seguite anche per il modo infatti in cui tratta i temi dell’amore omosessuale.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.