Intelligence: grande azione anche nella seconda puntata


intelligence-2puntataMarco Tancredi continua ad indagare sull’uccisione di sua moglie, Lidia Valenti, accompagnato dall’aiuto dell’amica Giada. Analizzando il computer di Lidia e guardando il video che lei stessa ha lasciato, come saluto, al marito, Marco scopre un indirizzo che lo porta dritto in Romania, precisamente a Bucarest, meta dell’ultimo viaggio compiuto da Lidia.

Recandosi presso l’indirizzo trovato, Marco si ritrova in un appartamento messo a soqquadro e, mentre cerca delle tracce considerevoli che l’aiutino nella sua indagine, sopraggiungono due uomini dei servizi segreti rumeni che vogliono arrestarlo. Ma, mentre questi lo portano via ammanettato e in stato di arresto, arriva Giada che, con molta astuzia, interviene aiutando, così, Marco a fuggire insieme a lei. I due, una volta in salvo, si recano in una stazione alla ricerca di una cassetta di sicurezza che, però, è completamente vuota.

[ad]

Nel frattempo, in un hotel di Roma un uomo russo, Andrej, ex componente dei servizi segreti, scrittore alle prese con il suo ultimo libro e amico di Lidia, è preso da un attacco cardiaco nel corso di una conferenza, provocato dal polonio iniettato nelle sue sigarette per mano di Oksana, ex poliziotta russa che cerca, a tutti i costi, di vendicare la morte di sua figlia, avvenuta durante un attentato anni fa.

Marco e Giada si recano nell’ospedale in cui è stato ospitato Andrej per parlargli e scoprire qualcosa in più sulla morte di Lidia; l’uomo, in gravi condizioni, non sa chi sia l’uccisore o il mandante, ma consiglia ai due di fare molta attenzione e, con poche parole, spiega la sua diffidenza nei confronti della donna che ha cercato di ucciderlo, Oksana. Prima di morire, Adrej rivela a Marco e Giada che Lidia stava lavorando ad un’operazione con base in Romania.

Nell’officina di un falsificatore di documenti, Dimitri, il team dei servizi segreti scopre la foto della ragazza russa che, fingendosi giornalista, ha ucciso Andrej: Oksana.

Lo stesso Dimitri viene usato come esca per cercare Oksana, nascosta in un club per soli uomini e gestito dalla mafia russa. E’ lì che Dimitri viene accompagnato, scortato dagli uomini di Intelligence. Scoperta l’intrusione, Dimitri viene accoltellato e all’interno del club si scatena una vera e propria guerriglia (una delle azioni più belle di tutta la serata): la squadra dei servizi segreti entra e fa invasione a colpi di mitra, a cui la mafia risponde ad altrettanto fuoco.

Fuori il club, Marco incontra Oksana, la quale racconta di uccidere per vendetta, di farsi giustizia da sé perché la mafia russa le ha tolto tutto quello che aveva. Approfittando della confusione creatasi, la donna fugge.

[ad]

Stanca e scoraggiata, Oksana viene ospitata da Irina, una connazionale conosciuta da pochi giorni: Oksana convince la ragazza ad ospitarla nella sua stanza ed aspetta la venuta in Italia del suo prossimo bersaglio. Questa volta, si tratta di un oligarca russo, atterrato a Roma e residente al Palace Hotel. Oksana immobilizza Irina e le ruba l’uniforme da cameriera. La squadra arriva all’hotel ed inizia le ricerche: che sembrano vane, Oksana intanto inietta il polonio nel pranzo del magnate e lo rivela a Marco al termine di una colluttazione. Marco tenta di convincerla a non uccidere l’uomo, il pranzo è destinato anche a sua figlia, una bambina della stessa età di quella di Oksana: la donna si pente e cerca di rimediare al suo errore, ma la guardia del magnate la uccide con due colpi di pistola al cuore. La morte di Oksana non è stata vana, la bambina del magnate è salva, una vita innocente non è stata immolata.

Ma tante sono ancora le cose da scoprire: degli uomini sono interessati a dei documenti custoditi da Lidia, che ancora non sono stati trovati, e riguardano l’operazione Stoker.

Massimo Carlisi vuole aiutare Marco ad entrare negli archivi segreti in cui sono custoditi tutti i segreti militari, da a Marco delle dritte ed il documento di uno egli archivisti. Marco parte in missione, entra negli archivi segreti e riesce a copiare dei file contenuti nel computer: Stoker è il nome di un funzionario dei servizi segreti rumeni, che ha tradito i suoi uomini ed è stata salvata da Lidia, ora ha una nuova identità, datale dal contro spionaggio.

Marco e Giada scoprono che il contatto di Stoker è Violica, una ragazza del centro intelligence, la quale rivela in un biglietto a Marco chi ha trafugato i documenti di Lidia e gli fornisce un indirizzo al quale recarsi: si tratta della casa di Sergio, che aveva una relazione con Violica, relazione che voleva tenere segreta. Ma i movimenti di Marco e Giada sono seguiti passo a passo da occhi terzi, mentre tentano di decifrare gli appunti lasciati da Lidia. Marco trova un cd contenente dei suoni e dei numeri: i numeri sono delle coordinate, Marco le inserisce nel navigatore e parte alla ricerca del luogo indicato, si tratta della casa della nonna di Lidia che la ragazza aveva messo a posto con passione.

Marco trova nella vecchia casa la bottiglia all’interno della quale Lidia aveva nascosto una lettera d’amore che si erano scritti: ma oltre alla lettera vi era anche una scheda di memoria che Marco prende prima di venire colpito da una pallottola al veleno. Intanto Filippo fratello di Giada la viene a trovare e si ferma a casa sua, ma quando Giada torna a casa del fratello non vi è più traccia: per scoprire se le indagini di Marco e Giada andranno a buon fine l’appuntamento è per lunedì prossimo con una nuova puntata di Intelligence Servizi & Segreti su Canale 5 ore 21.10.

1 Commento su Intelligence: grande azione anche nella seconda puntata

1 Trackback & Pingback

  1. diggita.it

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.